Quando si parte per il Belgio solitamente si pensa a Bruxelles, ma io ho lasciato questa città per ultima perché come avrete notato dalle foto dei giorni precedenti Gent e Brugge sono tappe davvero imprendibili e non potevo rischiare di non avere il tempo necessario per visitarle! 

IMG_5327

Io e Veronica abbiamo ancora tutta la giornata per godere della capitale Belga e allora questa mattina abbiamo preso la metro per raggiungere l’Atomium! Questa gigantesca riproduzione in scala di una molecola di cristallo fa ormai parte dello skyline di Bruxelles da quando venne costruito in occasione dell’Esposizione Universale del 1958, che doveva essere un’istallazione temporanea!

IMG_5320

IMG_5321

I belgi furono così entusiasti di queste 9 gigantesche sfere in acciaio inossidabile che dopo l’Esposizione non vennero mai più smontate! L’Atomium da allora è diventato il simbolo della città, proprio come la Torre Eiffel per Parigi!

IMG_5322 IMG_5325 IMG_5324 IMG_5330 IMG_5328

Venire a Bruxelles e non andare a vedere il Parlamento Europeo è però un peccato mortale e noi non vogliamo certo appesantirci il Karma…quindi sempre a bordo della metropolitana raggiungiamo senza troppa fatica questo colosso super moderno!

IMG_5312 IMG_5313 IMG_5314

Dopo aver pranzato con le famose untissime patatine fritte alla belga, in uno dei chioschetti all’interno del marcatino di Natale di fronte alla Borsa, ci dirigiamo alla volta di un altro piccolissimo simbolo di Bruxelles che vuole rappresentare l’indipendenza di spirito degli abitanti…ovvero il Manneken Pis, che nel dialetto fiammingo significa “il ragazzetto che fa pipì”! Si tratta infatti di una fontana con un ragazzetto in bronzo alto una cinquantina di centimetri che sta urinando! 

IMG_5319

IMG_5271 IMG_5317

La leggenda vuole che il bambinetto spense con la sua pipì la miccia di una bomba nemica che avrebbe fatto saltare la città! Ma c’è un aspetto molto più divertente che riguarda questa statua…il Manneken Pis possiede infatti un guardaroba con oltre ottocento vestiti…neanche fosse una modella di Victoria’s Secret! A seconda delle tradizioni e delle festività viene così vestito ad esempio da Santa Claus, da palombaro o addirittura da Monaco Tibetano!!

IMG_5318

Salutiamo il Manneken Pis e andiamo velocemente alla scoperta della “nona arte”, sto parlando sempre di Bruxelles! Così denominata perché moltissimi eroi dei fumetti sono stati concepiti dalla creatività della scuola di fumetto belga, in particolare nel secondo dopoguerra! Un giro per le vie del centro vi darà un’idea di ciò di cui sto parlando. Dal 1991 sono stati infatti creati circa 40 murales degli eroi dei fumetti! Forza scovateli! 

IMG_5315

IMG_5316

Il calar del sole ci fa ricordare che è purtroppo arrivato il momento di andare all’aeroporto…siamo giunte ahimè al termine di questi tre giorni indimenticabili alla scoperta delle Fiandre, ma dopo aver ritirato i nostri bagagli e salutato il nostro pittoresco Hotel Mozart, che consiglio vivamente per il suo design ma soprattutto per la sua posizione centralissima, Bruxelles ci fa un ultimo regalo!

IMG_5308 IMG_5309 IMG_5310

La Grand Place riconosciuta patrimonio mondiale dell’Umanità dall’Unesco, considerata una delle piazze più belle al mondo, si mostra in tutto il suo splendore natalizio…uno spettacolo di suoni e luci, concepito da uno dei celebri designer d’illuminazione del paese Koert Vermeulen, illumina le pareti dei monumenti della piazza con migliaia di led e un mix di immagini, sensazioni, profumi e colori sembrano far prendere vita magicamente alle facciate di questa superba piazza!

IMG_5110 IMG_5096 IMG_5170 IMG_5171 IMG_5169 IMG_5166 IMG_5172 IMG_5174 IMG_5065

Grazie Bruxelles e grazie Belgio…resterete sempre nel mio cuore!